Photography is a way of engaging with other people – an interview with Richard Renaldi

Versione italiana in fondo

Richard Renaldi (Chicago, 1968) has a thing with people, he knows how to portray them, how to make everyone visible. His work is daring and intimate at the same time, his pictures look at you with a fierce glance and you are touched by their sincerity. It is with utmost pleasure that we host a workshop with Richard in this eighth edition of PWNY and we could not miss the opportunity to anticipate this summer’s mood by asking him a few questions. Here are Richard most charming and in-depth answers.

Hello Richard, would you like to tell us something about yourself? Who are you?
Oh boy, that’s an existential question! I guess I define myself as observant, a person who’s engaged with the world. The things that are important to me are friends, family, nature, culture. And I’m a traveller! The best times of my life have always been on the road, seeing beautiful and amazing things. I also like teaching and I like making photos.

©Richard Renaldi / Fall River Boys

How did it all start for you with photography? What are your memories of your first shots?
It’s all the way back from high school; it was a bit of an accident. I was meant to take studio art, but this class was full so I chose to take photography instead. And it ended up going quite well for me and it became the thing I was actually good at; this made me feel confident and happy because I was good at it. It was and is the natural fit for some of the creativity that I possess. Then I took off with it and I had this teacher who was very encouraging, like a mentor, this helped me a lot. Then I went on studying photography into college with great professors; I also studied one year abroad in Salzburg, (Austria) with European teachers. Later on, I entered in Magnum as researcher and editor, and then I started doing my own editorial commercial work while working on my fine art personal projects.

How did your personal research change in time, starting from your first projects to your current work, from Fall River Boys to Manhattan Sunday?
I would not say there is a pattern, sometimes the projects are overlapping, some of them are really long-term works. But I think there are some themes that keep emerging in my work, like social classes, myself and my own story, issues around gender, intimacy, sexual identity. Yes, these are the things that interest me most.

©Richard Renaldi / Manhattan Sunday

What’s so charming and challenging about “portraits”?
I think that portrait-making is probably an extension of being interested in people and wanting to be connected with them. Portraits show you are interested and fascinated by people, it is a way of legitimising one’s desire to continue to look further and deeper. It’s a way of engaging with other people. Self-portraits I also work on, and these are self-explorations, ways to find your place in the world. If you wish, in these portraits, you can surround yourself with things that interest you, and this is a way of going deeper into yourself.

What do you think about photography in the era of digital and social networking? Also concerning the Touching Strangers project, which was widespread via social media.
Social networks can be both a positive and a negative force, they can be a very good tool to promote and publicise work, but on the other hand, they can be a diversion from focusing on making things, reading books and so on. They are a tool and a diversion, though I feel that as a visual person the social I am most enthusiastic about is Instagram. It’s such a visual platform! It’s a little dangerous to get involved in the public response or to be too curious about it, and it’s definitely too fast, scrolling pictures it’s the new way of watching them. And if there is something more subtle going on, people do miss that because things are moving too fast.The problem with social media is that it never stops, and our brains are definitely changing, just like the way we are consuming information.

©Richard Renaldi / Touching Strangers

Your future students know you as a photographer, what should they expect from Richard Renaldi the educator? What kind of teacher and mentor do you think you are?
You can expect me to really push you to explore the reasons that make you do things and how you can do better, and if there are issues and problems you haven’t taken into account. I really appreciate when students are open to critique, and hungry, ready to learn and grow. This the progression from the beginning to the end of the course can be both interesting and beautiful, with all the changes that can take place.

What will your students learn from your workshop “New York, a sense of place”?
I want them to use as much potential and openness as they can; “A sense of Place” refers to a personal way of photographing. I will be referring to fine art photography and documentary; I want them to explore places, neighbourhoods, I want them to visually explore and engage with their surroundings. The issue is to go deep into subjects, it could be just the grocer down the street, or a community centre, a very specific place. They will also work on what motivates them and what are the source of inspiration for them to work on

©Richard Renaldi / Touching Strangers

What kind of relationship do you have with the city of New York? Do you have any place you are particularly affectionate with?
I think New York is very diverse, with so many languages spoken, and the social classes have such a wide range! And all these extremes seem to live in NY, and this is interesting and compelling; literally, it’s a city with millions of stories and lives entwined. I find the neighbourhoods very interesting as well as the variety of architectural styles. Every block has its own architecture. All this is a great source of inspiration to find stories; people arrive in NY and they re-invent themselves. At the same time, ambition is an important word when you talk about New York, as well as energy. This city can be hard and inspiring at the same time if you’re disciplined and focused. You have to have good foundations, there are so many temptations here, so much distraction. [laughs]

What would you suggest to all those who are going to experience a workshop like this for the first time?
It would be great for them to have some ideas, I suggest to do some research, even use Google Earth to explore NY City, read the New York Times. As far as photo books are concerned, “East 100th” by Bruce Davidson is always on my list.

If you could choose a person from the past, who would you like to be?
Oh, that’s interesting! I would like to be someone who lived very long [laughs], I think a lot of people lived very interesting lives. David Bowie just passed away and he was someone I was very sad about when I heard the news, I really admired him, he was a very open person. I would not mind being an activist, someone who fought for progress or rights, someone who helped to change society but… yeah, I would definitely choose David Bowie!

Subscriptions open for the workshop “New York, a sense of place” with Richard Renaldi are still open! Early Bird promo on all subscriptions entered by May 5!

For more information, you can check the workshop page or contact us directly at info@photoworkshopnewyork.com.

The workshop is open to everyone — of any age, nationality and level of photographic experience. We hope to see you at #PWNY2017!

____________Italiano______________________________________________________________

Richard Renaldi (Chicago, 1968) ha un vero talento per le persone: sa come ritrarle, sa come rendere ognuno di noi visibile. Il suo lavoro è provocatorio e intimo al tempo stesso, le sue fotografie ci guardano fiere, così tanto che si è toccati dalla loro sincerità. È quindi con grande piacere che ospitiamo, all’interno di #PWNY2017 un workshop con Renaldi e – ovviamente – non ci potevamo farci scappare l’opportunità di anticipare l’atmosfera di questa estate e fare qualche domanda a Richard. A voi le sue acute risposte!

Ciao Richard, vuoi dirci qualcosa su di te? Chi sei?
Caspita, è una domanda esistenziale! Credo di potermi definire come un osservatore, una persona affascinata dal mondo. Credo che nella vita le cose più importanti siano gli amici, la famiglia, la natura, la cultura. E sono un viaggiatore! I migliori momenti della mia vita sono sempre stati quelli “on the road”, in viaggio a vedere e scoprire cose bellissime. Amo anche insegnare e, ovviamente, fotografare.

Com’è iniziato il tuo rapporto con la fotografia? Cosa ricordi dei tuoi primi scatti?
Iniziò tutto alle scuole superiori; è stato un caso! Avrei dovuto fare un corso di arte ma era pieno, e allora scelsi un corso di fotografia. E finì che ero piuttosto bravo, la materia in cui eccellevo di più; questo mi rese felice e sicuro di me. Era ed è lo sbocco naturale di alcuni aspetti creativi che mi appartengono. Abbracciai la fotografia anche grazie a questo insegnante, che mi sostenne e aiutò molto. Proseguii poi studiando fotografia al college con professori bravissimi, e mi recai anche all’estero, a Salisburgo, per studiare fotografia in Europa. Dopo entrai alla Magnum come editor e ricercatore, e iniziai poi ad alternare lavori commerciali con progetti personali.

Com’è cambiata la tua ricerca personale nel tempo, dai tuoi primi progetti a lavori più recenti, da Fall River Boys a Manhattan Sunday?
Non direi che seguo un percorso preciso, alcune volte i progetti si sovrappongono, dato che sono lunghi e si sviluppano in anni di lavoro. Credo tuttavia che ci siano alcuni temi ricorrenti come le classi sociali, la mia storia personale, questioni di genere, intimità, identità sessuale. Sì, queste sono le cose che mi interessano di più, e che si possono trovare nei miei progetti.

Perché i ritratti esercitano questo fascino così attraente e complesso al tempo stesso?
Credo che scattare ritratti sia la naturale estensione di chi è interessato alle persone e vuole essere “connesso” con loro. I ritratti mostrano che sei affascinato dalla gente, ed è un modo per legittimare il desiderio di guardare più a fondo, per entrare in contatto con altre persone. Lavoro molto anche sugli autoritratti, e queste sono più delle esplorazioni nel proprio “ego”, un modo per capire il tuo posto nel mondo. Se vuoi, in questi ritratti puoi circondarti delle cose che ti interessano di più, ed è un modo per indagare te stesso.

Come pensi che i social media possano influenzare la fotografia? Faccio questa domanda anche il relazione al tuo progetto Touching Strangers, che si è sviluppato proprio grazie al web.
I social possono essere una forza sia positiva che negativa; sono ottimi per promuovere il tuo lavoro ma, al tempo stesso, sono un pericoloso diversivo e ti allontanano da altre cose, come leggere un libro, lavorare… Sono uno strumento e un diversivo; essendo una persona “visiva”, il social che preferisco è senza dubbio Instagram. È una piattaforma così vitale! È un po’ pericoloso farsi coinvolgere troppo dalla risposta del pubblico, o essere troppo curiosi, ed è di certo un mondo che va molto veloce; oggi non si guardano più le foto, si fa lo scroll. E se nelle immagini c’è qualcosa di più sottile, beh, la gente non se ne accorge. Il problema con i social è che non si fermano mai, e il nostro cervello sta cambiando, così come il nostro modo di consumare informazioni.

I tuoi futuri studenti ti conoscono come fotografo, cosa si devono aspettare da Richard Renaldi l’insegnante?
Mia caratteristica è quella di spingerti a esplorare le ragioni profonde che ti portano a fare ciò che fai, e a capire come migliorare, o comprendere se hai trascurato aspetti importanti. Apprezzo molto quando gli studenti sono “affamati”, aperti alle critiche, pronti a imparare e a crescere. Il processo che porta le persone dall’inizio alla fine del corso è davvero bello e interessante, con tutti i cambiamenti che possono aver luogo.

Cosa impareranno tuoi studenti dal workshop che terrai, “New York, a sense of place”?
Vorrei che loro esprimessero tutto il potenziale e l’apertura possibile. “A sense of place” si riferisce a un modo di fotografare i luoghi in maniera personale, farò riferimento alla fotografia artistica e al documentario. Vorrei che esplorassero luoghi, vicinati, quartieri, che entrassero in contatto visivo con l’ambiente. Insieme capiremo come andare più a fondo nei soggetti scelti, che potrebbero essere il negoziante all’angolo della strada o il “community center” del quartiere. Gli studenti lavoreranno anche sui motivi che li spingono a fotografare, sulle loro fonti di ispirazione.

Che relazione hai con New York? Ci sono luoghi a cui sei particolarmente affezionato?
Credo che NY sia una città molto varia, con tantissime lingue parlate e con una enorme varietà di classi sociali! Questi estremi convivono ogni giorno, una situazione interessante e avvincente. Senza esagerare, è una città con milioni di persone e storie intrecciate. Adoro i quartieri di NY, e mi affascina molto la varietà di stili architettonici; tutto questo è una grande fonte di ispirazione per trovare storie da raccontare, la gente arriva a New York e si re-inventa. Allo stesso tempo, ambizione ed energia sono due parole che si addicono bene a questa città, che può essere dura e ispiratrice al tempo stesso, sempre che tu sia ben determinato. Devi avere fondamenta forti per resistere qui, ci sono così tante tentazioni… [ride]

Cosa suggeriresti a chi si avvicina a un workshop come questo per la prima volta?
Di arrivare già con qualche idea, di fare ricerche prima, di usare Google Earth per esplorare i vicoli di NY, di leggere il New York Times. In ambito fotografico, suggerisco di leggere e guardare East 100th Street di Bruce Davidson.

Se tu potessi essere un personaggio del passato, chi sceglieresti?
Uhm, bella domanda. Vorrei essere qualcuno che è vissuto a lungo! [ride] Credo che molte persone abbiano avuto vite interessanti; David Bowie è scomparso da poco, ed è stata una notizia che mi ha rattristato molto, ho grande ammirazione per lui, era una persona molto aperta. Non mi dispiacerebbe anche essere un attivista, qualcuno che combatté per il progresso o per i diritti umani, qualcuno che ha contribuito a cambiare la società… ma no, sceglierei David Bowie!

Il workshop “New York, a sense of place” si terrà dal 10 a 16 luglio 2017, le iscrizioni sono aperte ed è possibile iscriversi usufruendo della Early Bird promo fino al 5 maggio!

Per maggiori informazioni sul workshop, è possibile visitare la pagina sul sito di PWNY o scriverci a info@photoworkshopnewyork.com

Il workshop è aperto a tutti!