// versione italiana in fondo //

With this post we’d like to break the ice by giving more information about the photographers who are going to teach the photography workshops of the seventh edition of Photo Workshop New York.

Let’s start with the workshop held by the American photographer Michael Christopher Brown, from June 12 to June 18, 2016.

For those of you who does not know him, Michael Christopher Brown (b. 1978) is a photographer and filmmaker whose work focuses on social issues around the globe. His recent work-in-progress explores the electronic music and youth scene in Havana, Cuba, and the conflict in the Democratic Republic of the Congo. A contributing photographer at publications such as National Geographic Magazine and The New York Times Magazine, he was subject of the 2012 HBO documentary Witness: Libya. Michael is member of Magnum Photos since 2013.

Michael has also exhibited his work internationally, notably at the Massachusetts Institute of Technology, the Instituto Cervantes (New York), The Museum of Fine Arts (Houston), the Annenberg Space for Photography and the Brooklyn Museum.

In this workshop, we will face several issues like social photography, photojournalism and reportage in general, street photography and portraying people, phone photography, of which Michael is a renowned expert, personal vision and the long term project, with particular focus on book making.

We asked Michael some questions to get to know him better… let’s get closer to Michael Christopher Brown!

PWNY: Hello Michael, would you like to tell us something about yourself? Who are you?
MCB: I’m a human named Michael Christopher Brown, from the Skagit Valley, Washington State, USA.

PWNY: How did it all start for you with photography? What are your memories of your first shots?
MCB: I learned photography from my father, in the Skagit Valley. When I was a young teenager we would take pictures together around the skagit valley, of landscapes, wildlife, and the natural world mostly, though also of people at fairs and during vacations. It was also a way we could develop a deeper relationship. My father would make slideshows for my family and we would watch them on a screen in our living room, pictures of him in high school, he and my mother when they were younger, he working as a physician in third world countries. From an early age I developed a deep understanding of the power of the still image.

PWNY: How did your personal research evolve in time? Starting from your first projects to your current work?

MCB:  What I learned is that by challenging myself in ways beyond what I thought was possible, I then began to grow. But the growth is ultimately not controlled by us, we make choices in that direction but have to be open to the growth process, which has its own life.

PWNY: How would you describe yourself as a photographer?

MCB: I’m more a collector than a photographer. I use a camera to record the world in still/moving imagery, but I also use an audio recorder to record various sounds, I write and collect things.

PWNY: What is “street photography” to you?

MCB: Candid photography in public.

PWNY: What is “photojournalism” to you?

MCB: Using photography to document history within the confines of journalism.

PWNY: What do you think about photography in the era of digital and social networking? How do you see the future of photography evolve?

MCB: It’s tough to predict. I like how everyone can take pictures and publish them to share with the world. We are an image based global society, photography is our universal communication so why not develop this within a dialogue of several billion people.

PWNY: How do you combine your work as a photojournalist with your personal research? What kind of dialogue exists between these experiences?

MCB: I work as a photojournalist for various clients but my own work is more documentary/art based. I keep the two separate, one is primarily a way to make a living and share journalistic stories with the world where the other is more fulfilling though independent. I learn while doing both and this knowledge is then shared. For example in Congo I often do assignments but I often stay much longer, the assignment might be 4 days but I will stay 4 weeks. I like to live in countries, it gives me a deeper understanding and appreciation for the place and people.



PWNY: Your future students know you as a photographer, what should they expect from Michael Christopher Brown the educator? What kind of teacher and mentor do you think you are?

MCB: I prefer the seminar format. I don’t like to instruct, I like for everyone to participate and give each other feedback while I moderate a discussion that is open and informal.

PWNY: What do you like about teaching and what your students will learn from this workshop?

MCB: I like to learn from students and to share what I’ve learned in photography, which is about finding a voice. I want to help inspire students to develop their voice.

PWNY: What kind of relationship do you have with the city of New York? Do you have any place you are particularly affectionate with?

MCB: I’ve lived in NYC for 11 years, I love the city and it’s a second home though I’m from Washington State and that will always be home for me.



PWNY: How do you think the atmosphere and places of this city could be an added value for PWNY students?

MCB: NYC is a creative environment, for me it’s THE creative/cultural center for the world so it’s a good idea to get out and experience the city while you are here and perhaps we will as a group. 



PWNY: What would you suggest to all those who are going to experience a workshop like this for the first time?

MCB: Come with the work that you do not make excuses for. I want to see the work that makes you who you are, not just the work that is what you have.

Enrollment for the seven-day workshop with Michael Christopher Brown in New York is open!

For more information you can check the workshop page or contact us directly at

The workshop is open to everyone — of any age, nationality and level of photographic experience.
We hope to see you at PWNY 2016!


All images © Michael Christopher Brown

// versione italiana //

Con questo articolo iniziamo a rompere il ghiaccio e ad approfondire la nostra conoscenza con i docenti della settimana edizione di  Photo Workshop New York.

Iniziamo dal workshop condotto dal fotografo americano Michael Christopher Brown, dal 12 al 18 giugno.

Per chi non lo conoscesse, Michael Christopher Brown (classe 1978) è un fotografo e filmmaker il cui lavoro si focalizza su tematiche sociali in diverse parti del mondo. I suoi progetti più recenti, ancora work-in-progress, esplorano l’ambiente della musica elettronica e la cultura giovanile all’Havana, Cuba, e il conflitto in atto nella Repubblica Democratica del Congo. Michael Christopher lavora regolarmente per il National Geographic Magazine e il The New York Times Magazine, è stato il soggetto di un documentario del 2012 della HBO con Witness: Libya, ed è membro della prestigiosa agenzia  Magnum Photos dal 2013.

Abbiamo rivolto qualche domanda a Michael Christopher, per poterlo conoscere più da vicino.

PWNY: Ciao Michael, vorresti raccontarci qualcosa di te?

MCB: Sono un essere umano di nome Michael Christopher Brown, provengo dalla Skagit Valley nello stato di Washington, Stati Uniti.

PWNY: Com’è iniziata la tua passione per la fotografia? Quali sono i tuoi primi ricordi legati ad essa?

MCB: Ho conosciuto e imparato la fotografia da mio padre. Durante la mia adolescenza ci piaceva andare a fotografare insieme paesaggi naturali e vita animale per lo più nella Skagit Valley, e qualche volta ci piaceva ritrarre le persone durante le fiere o in vacanza. È stato anche un modo per svillupare un rapporto più profondo tra di noi. Mio padre usava spesso fare delle proiezioni con le foto di famiglia, le guardavamo nel nostro soggiorno, foto di lui durante la scuola, di lui e di mia madre quando erano giovani e di lui mentre lavorava come medico nelle nazioni del terzo mondo. Fin da piccolo ho sviluppato un forte interesse per la potenza delle immagini fotografiche.

PWNY: Come si è evoluta la tua ricerca nel tempo dal tuo primo progetto ai tuoi attuali lavori?

MCB: Quello che ho imparato è che sfidando me stesso in modi che andavano oltre ciò che pensavo fosse possibile, ho solo allora iniziato a crescere. Ma la crescita non è totalmente controllata da noi stessi, noi compiamo scelte verso quella direzione, ma dobbiamo essere aperti al processo di crescita, che ha la sua vita propria.

PWNY: Come ti descriveresti come fotografo?

MCB: Sono più un collezionista che un fotografo. I use a camera to record the world in still/moving imagery, but I also use an audio recorder to record various sounds, I write and collect things.Uso la macchina fotografica per registrare il mondo in immagine statiche e in movimento, ma uso anche registrati audio per catturare suoni di vario genere, scrivo e colleziono cose.

PWNY: Che cosa significa street photography per te?

MCB: Fotografia spontanea in pubblico.

PWNY : Che cosa significa fotogiornalismo per te?

MCB : Usare la fotografia per documentare la Storia all’interno dei confini del giornalismo.

PWNY : Che cosa pensi riguardo alla fotografia nell’era del digitale e dei social network? Come credi che si evolverà la fotografia?

MCB: È difficile da predire. Mi piace come tutti possano scattare fotografie e pubblicarle per condividerle con il mondo. Siamo una società globale basata sull’immagine, la fotografia è la nostra comunicazione universale, quindi perchè non svilupparla in un dialogo fra bilioni di persone.

PWNY : Come riesci a conciliare il tuo lavoro personale di fotogiornalista con la tua ricerca personale? Che tipo di rapporto esiste fra di loro?

MCB: Lavoro come fotogiornalista per diversi clienti ma il mio lavoro personale è più legato alla documentazione e all’arte. Appartengono a due sfere separate, la prima è primariamente un modo per vivere e condividere storie di giornalismo con il mondo, mentre l’altra è più personale e gratificante, anche se indipendente. Imparo da entrambe le sfere e la mia conoscenza viene poi condivisa. Per esempio ho spesso dei lavori commissionati in Congo, ma mi fermo molto più del dovuto, se il lavoro richiede 4 giorni io mi fermo 4 settimane. Mi piace vivere nei paesinazioni, mi permette di arrivare ad una maggiore comprensione e apprezzamento del posto e delle persone.

PWNY : I tuoi studenti ti conoscono come fotografo, ma cosa dovrebbero aspettarsi da Michael Christopher Brown come insegnante? Che tipo di insegnante e mentore pensi di essere?

MCB : Fondalmentalmente preferisco la formula del “seminario”. Non mi piace dare istruzioni, mi piace che tutti partecipino e diano il loro contributo mentre io modero una discussione aperta e informale.

PWNY : Che cosa ti piace dell’insegnare e che cosa pensi impareranno i tuoi studenti da questo workshop?

MCB : Mi piace imparare dagli studenti e condividere con loro che cosa ho imparato dalla fotografia, che è legato a trovare la propria voce. Vorrei risucire a inspirare gli studenti a sviluppare la loro voce.

PWNY : Che rapporto hai con la città di New York? Hai un posto a cui sei particolarmente legato?

MCB : Ho vissuto a NY per 11 anni, amo questa città ed è come una seconda casa anche se io sono originario dello stato di Washington e quella sarà sempre casa per me.

PWNY : Come pensi che l’atmosfera e I posti di questa città possano essere un valore aggiunto per I studenti di PWNY?

MCB : New York è un ambiente creativo, per me è il centro culturale creativo per eccellenza nel mondo, così è una buona idea andare fuori e vivere la città mentre si è qui e in più forse lo faremo anche come gruppo.

PWNY : Che cosa suggeriresti a tutti quelli che si apprestano a vivere l’esperienza di questo workshop per la prima volta?

MCB : Venite con il lavoro per cui non avete scuse. Vorrei vedere il lavoro che fa di voi quello che siete e non semplicemente quello che avete.

Le iscrizioni al workshop di sette giorni con Michael Christopher Brown sono aperte!
Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web del workshop o scriverci direttamente a

Il workshop è aperto a tutti: studenti, fotografi amatori di vario livello, fotografi professionisti, senza distinzione di sesso/età/nazionalità.
Vi aspettiamo a PWNY 2016!