PWNY 2015 focus on: JOSEPH MICHAEL LOPEZ

/ versione italiana in fondo /

This is our third focus on the workshops we are offering for the sixth edition of Photo Workshop New York. Today we meet Joseph Michael Lopez, a New York based street and commercial photographer who is going to teach the workshop  ”New York Street”, from September 7 to September 13, 2015.

We met Joseph last summer in New York and we invited him to be one of our guest speakers at the end of Laura De Marco and Roberto Alfano’s workshop “The Wonder City”. During his presentation (see some photos below), we fell so much in love with his passion, energy, vision and power of photography that we immediately decided to invite him to teach for next year. We’re so glad that he accepted and we can’t wait to work with him and his students this September!

We want to briefly introduce you to his world, that’s why we asked him some question: enjoy!

Joseph, who are you?

I am a sensitive 41 year old man. A Cancer who works with a camera rigorously. One part Cuban, one part Puerto Rican; I was born in New York and raised in South Florida.

Can you tell us when did you decide – and why – to become a photographer?

I was brought up bilingual and had to construct a new way to express myself; a new form of communication. I wanted to become a filmmaker and then I felt at odds with the many personalities that were needed to make a motion picture come to life. My need for solitude took over— so I then pushed myself to understand one frame before I could make sense of 24 frames per second. In this process, I discovered my own voice on street.

How would you describe yourself as a photographer?

I’m a documentary human.

What is “street photography” to you?

It’s what happens when I walk out the door with a camera in hand.

Is it possible to educate the eye to a particular way of looking at the world?

Of course! As long as you are hungry to express yourself visually, you educate your eye by continuing to shoot everything until you observe what you’re naturally interested in. It’s a self-education process that can be brought out by a skilled mentor and perseverance.

What kind of stories to photograph students will find in New York?

New York is a unique place with an abundance of life and energy. I would say there are plenty of possible subjects and narratives that happen that could potentially be framed and inspire stories.

Your long term project “Dear New Yorker” is almost a love letter for this city. What takes your heart while you’re in the street to photograph? What is NY to you photographically?

I think the great thing about photography is that anyone can bring their own history to the table and read an edit of pictures differently. My heart drives me to connect with people and the external. I don’t think it’s a love letter. I think it’s about coping, discovery, dark, light, women and my experience. The work is more about me than an actual place.

Is there a place in New York City that you love most?

Union Square and sometimes the subway system.

How can the city of NY itself be a decisive element for this educational experience?

I think this city makes us face our fears and desires. It’s a great place to propel yourself perhaps to transcend and grow.

Is there a picture that you shot in New York that you prefer?

I still believe in the power of a singular image, but now more than ever I am preoccupied with editing my pictures which is a whole other thing, like building a house. It’s a language. I think that’s all we have with photography; you have to edit your pictures and ask yourself, “what do you want to say?” I’m taken by the idea of entering a world much like we experience a motion picture with book form, I think editing has hijacked me for some time now. It’s my reality now as I prepare my first book.

What do you think that a student can learn from an intensive workshop like this?

I think the student will be turned on by the energy and passion I have for this medium. I am offering my relationship to photography. Perhaps they will take one big step forward in their own process by taking this workshop and maybe get closer to knowing themselves a little more clearly.

What do you like about teaching photography and sharing your experience?

It’s really fulfilling to share your experience with people who are hungry to be present, and engage life with a camera.

Cinema seems to be very important for you and your photography. Is there any movie you would like to suggest to the participants at your workshop to look at before coming to the workshop?

Movies are so important. I began as analog cinematographer. I’ll share more about that relationship in the workshop. So, I published a list of movies that had an impact on me in Jason Eskenazi’s Dog Food. Jason did a list of 10 books and 10 movies. Here is a part of that movie list and a couple more…

The Alphabet by David Lynch; Lumiere & Company by 40 International Directors; I am Cuba by  Mikhail Kalatozov; Improper Conduct by Nestor Almendros; Memories of Underdevelopment by Tomas Gutierrez Alea; Eureka by Shinji Aoyama; Killer of Sheep by Charles Burnett; Lessons of Darkness by Werner Herzog; Movern Callar by Lynne Ramsey; Days of Heaven by Terrence Malick; 3 Women by Robert Altman; The Conversation by Francis Ford Coppola; Numero Duex by Jean-Luc Goddard; Code Unknown: Incomplete Tales of Several Journeys by Michael Haneke; Buck by Cindy Meehl; Sleeping Beauty by Janet Leigh; The Law In These Parts by Ra’anan Alexandrowicz.

What kind of teacher will you be?

I’m very giving in nature. People always tell me I would be a great teacher.

What do you want to tell to the participants of your workshop?

Have a look at my work, if you’re inspired, then apply! You will be moved and motivated to build meaning into your visual process.

[ Look at The New York Times’s slideshows dedicated to Joseph HERE and HERE ]

Thank you so much Joseph, see you in NYC this September!

For more information about Joseph, please visit his website, his Instagram feed and his tumblr page.
Enrollment for the seven-day workshop with Joseph Michael Lopez in New York is open!
For more information you can check the workshop page or contact us directly at info@photoworkshopnewyork.com.
The workshop is open to everyone — of any age, nationality and level of photographic experience.

/versione italiana/

Ecco il nostro terzo focus sui workshop della sesta edizione di Photo Workshop New York.

Oggi vi presentiamo Joseph Michael Lopez, docente del workshop ”New York Street” che si svolgerà dal 7 al 13 Settembre a NYC.

Abbiamo incontrato Joseph la scorsa estate a New York e l’abbiamo invitato a essere uno degli special guest per la serata conclusiva del workshop “The Wonder City” condotto da Laura De Marco e Roberto Alfano. Durante la sua presentazione pubblica siamo rimasti talmente folgorati dalla passione, dall’energia, dalla visione e dalla forza della fotografia di Joseph che abbiamo deciso di invitarlo a insegnare all’edizione successiva di PWNY, quella di quest’anno. Con nostro grande piacere ha accettato e adesso non vediamo l’ora che il suo workshop inizi a Settembre per vederlo in azione con i suoi studenti!

Intanto però l’abbiamo raggiunto a New York e gli abbiamo fatto qualche domanda per farvelo conoscere un pò più da vicino…buona lettura!

Joseph, chi sei?

Sono un uomo abbastanza sensibile di 41 anni. Un Cancro che lavora con una macchina fotografica in maniera rigorosa. Metà cubano, metà portoricano; sono nato a New York e cresciuto in South Florida.

Puoi dirci quando e perchè hai deciso di diventare un fotografo?

Sono stato cresciuto bilingue e ho avuto necessità di costruire un nuovo modo per esprimermi; una nuova forma di comunicazione. Volevo diventare un filmmaker e poi mi sono sentito a disagio con le svariate personalità che servivano per far venire a vita un film.  Il mio bisogno per la solitudine ha preso il sopravvento – così mi sono sforzato di capire un fotogramma alla volta, prima di impegnarmi a dare senso a 24 fotogrammi al secondo. In questo processo ho scoperto la mia voce personale nella strada.

Come ti descriveresti come fotografo?

Sono un umano documentario.

Cos’è la “street photography” per te?

È tutto ciò che succede quando esco dalla porta di casa con una macchina fotografica in mano.

Èpossibile secondo te educare l’occhio a un modo particolare di guardare al mondo?

Certamente! Se si è vogliosi di esprimersi visimamente è possibile educare i propri occhi continuando a fotografare ogni cosa finchè non si arriva a capire, osservando, a cosa siamo attratti naturalmente. È un processo di auto educazione che può essere facilitato dal confronto con un mentore capace e dalla perseveranza.

Che tipo di storie da fotografare gli studenti troveranno a New York?

New York è un posto unico con una grande abbondanza di vita e energia. Direi che ci sono una miriade di possibili soggetti e narrazioni che accadono e che possono essere potenzialmente inquadrate e ispirare storie da raccontare.

Il tuo progetto a lungo termine “Dear New Yorker” è quasi come una lettera d’amore per qeusta città. Cos’è che prende il tuo cuore quando sei per strada a fotografare? Cos’è per te New York, fotograficamente parlando?

Credo che la grande cosa sulla fotografia sia che ognuno può mettere la propria storia sul tavolo e leggere una selezione di fotografie in maniera diversa. Il mio cuore mi guida a connettermi con le persone e con l’esterno. Non credo che il mio progetto sia una lettera d’amore ma che riguardi più il confronto, la scoperta, il buio, la luce, le donne e la mia esperienza. Il lavoro riguarda più me stesso che un posto preciso.

C’è un posto a New York che preferisci?

Union Square e a volte anche il sistema della metropolitana.

Come può la città di New York stessa essere un elemento decisivo per questa esperienza formativa del workshop che insegnerai?

Credo che questa città ci forzi a confrontarci con le nostre paure e i nostri desideri. È un posto perfetto per spingersi a oltrepassare i propri limiti e crescere.

C’è una foto che hai scattato a New York che preferisci?

Credo ancora fortemente nel potere dell’immagine singola, ma adesso più che mai sono impegnato a mettere in sequenza e creare una narrazione con le mie fotografie, che è una cosa completamente diversa, è come costruire una casa. È un liguaggio. Credo che sia tutto ciò che abbiamo con la fotografia; occorre selezionare e mettere insieme il proprio lavoro e chiedersi “cosa vuoi dire?”. Pensando al libro fotografico, sono preso dall’idea di entrare in un mondo che è molto più simile all’esperienza che facciamo guardando un film. Sto preparando il mio primo libro proprio in questi giorni e credo che l’editing sia diventato la mia nuova realtà.

Cosa pensi che si possa imparare da un workshop come quello che farai a New York?

Credo che i partecipanti saranno colpiti dall’energia e dalla passione che ho verso la fotografia. Offrirò loro la mia relazione con questo mezzo. Forse con questo workshop faranno un grande passo avanti nel loro personale rapporto con la fotografia e forse impareranno anche a conoscere loro stessi un pò di più.

Cosa ti piace dell’insegnamento e del condividere la tua esperienza?

Condividere la tua esperienza con person pronte a confrontarsi con la vita con una macchina fotografia è un’esperienza che mi soddisfa molto, mi completa e onora.

Sappiamo che il cinema è stato ed è molto importante per te e per la tua fotografia. C’è qualche film che vorresti suggerire ai partecipanti al tuo workshop?

I film sono fondamentali. Ho iniziato la mia carriera come  operatore cinematografico e sicuramente condividerò questa esperienza durante il workshop. Recentemente ho pubblicato sulla rivista di Jason Eskenazi “Dog Food” una lista di film che hanno avuto un impatto importante su di me, ecco alcuni titoli: The Alphabet di David Lynch; Lumiere & Company di 40 International Directors; I am Cuba di Mikhail Kalatozov; Improper Conduct di Nestor Almendros; Memories of Underdevelopment di Tomas Gutierrez Alea; Eureka di Shinji Aoyama; Killer of Sheep di Charles Burnett; Lessons of Darkness di Werner Herzog; Movern Callar di Lynne Ramsey; Days of Heaven di Terrence Malick; 3 Women di Robert Altman; The Conversation di Francis Ford Coppola; Numero Duex di Jean-Luc Goddard; Code Unknown: Incomplete Tales of Several Journeys di Michael Haneke; Buck di Cindy Meehl; Sleeping Beauty di Janet Leigh; The Law In These Parts di Ra’anan Alexandrowicz.

Che tipo di insegnante sarai?

Sono una persona che per sua natura dà molto. Le persone mi dicono sempre che sarei un ottimo insegnante.

C’è qualcosa che vorresti dire ai partecipanti al tuo workshop a New York?

Guardate il mio lavoro e se vi ispira allora iscrivetevi! Durante il workshop sarete ispirati e motivati a costruire il significato della vostra visione personale.

[ Date un’occhiata agli slideshows che il The New York Times a dedicato in un paio di occasioni al lavoro di Joseph QUI e QUI ]

Grazie mille Joseph, ci vediamo a New York a Settembre!

Per saperne di più sul lavoro di Joseph, vi invitiamo a guardare il suo sito, il suo account Instagram e la sua pagina tumblr.

Le iscrizioni al workshop di sette giorni con Joseph Michael Lopez sono aperte! Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web o scriverci direttamente a info@photoworkshopnewyork.com

Il workshop è aperto a tutti: studenti, fotografi amatori di vario livello, fotografi professionisti, senza distinzione di sesso/età/nazionalità.