Landon Nordeman, ‘Discovery Street’: Day 3

Day 3 of Landon Nordeman’s workshop, ‘Discovery Street’ was long and event-filled! As students filled the room, I heard Landon quoting Bill Allard, “There’s no such thing as bad light… so think about that- there are no excuses, you’ve just gotta shoot!”. I immediately knew that it was going to be a great and challenging day.

In every workshop we’ve had there have been days of fluctuation and struggle, as well as days of great success and inspiration. Today we found students split down the middle as some felt inspired by their project while others began to feel aimless, confused or disheartened. These feelings are a necessary stepping stone in making great work and we really embrace the lows as much as we embrace the highs.

When one student talked about feeling exhausted while taking photos, Landon immediately responded by saying, “You don’t turn in your photographs to an editor and say, ‘Man, I was so tired’… so you don’t need to do that here.” While Landon’s repeatedly talked about the loft as a safe space for discourse surrounding photography and its many challenges, he still finds a balance between solving really tough issues and pushing people through ones that will always be present and just need to be overcome through strength and motivation. Fighting through the exhaustion is just one step in becoming a photographer– once you’ve accomplished that, you’ve still got all of the hard work ahead of you.

One of the main photographic mantras of the week has been to enable yourself to be free. Free of your self-imposed rules of photography– of what your teachers and peers have told you, and to just make an uninhibited image. One student felt concerned about his presence in making images and feared that he was creating work that was insincere or lacked a sense of reality. After looking through his photos we began to have a brief discussion on the ethics of photojournalism and whether the professional guidelines of reportage should apply to all of the work he does. After a few minutes Landon spoke up and stated, “This is an ethical discussion… I don’t care about this discussion at all! I just care about the picture. I just want you to make some pictures this week and allow yourself some freedom and room for experimentation. If you don’t feel comfortable with it in your future work, that’s fine, but just try. For me. Okay?”

In many of the workshops we’ve hosted we’ve made the final slideshow a priority. While the expectations are high and students have to work very hard in this workshop– there’s still a lot of room and encouragement for just spending a day getting to know yourself as a photographer. For making mistakes, abandoning ideas that aren’t quite working and changing up your technique. To have 7 days to focus entirely on your own personal visual language is such a gift and we’re so inspired to see a teacher creating space for this sort of personal interaction.

“Guys! You could be sitting in an office somewhere… but you’re here! It’s photography and for me it’s the best thing in the world! Come on! Work it!”.

After reviewing the student’s work, we had a guest presenter! Daniel Arnold, a Brooklyn-based photographer that has found great success through his challenging instagram feed and the incredible (and prolific) body of street photography that he’s created over the past decade in NYC. We were so thrilled to have the opportunity to hear him speak about his work and all walked away feeling deeply inspired by his commitment to his practice.

During an incredibly honest and open presentation he talked about his trajectory from moving to NYC to become a writer, working in corporate settings (Nickelodeon!) and slowly witnessing a transformation within himself where he became absorbed in the ritual of his life, commuting to and from his office job, on the metro. Over time, he began to take photographs and recognized it as a developing obsession that freed him from the depression of working in an uninspiring environment. He would take daily snapshots on the metro or in Times Square on his way to work, where he noticed that he would receive “instant feedback from reporting to the world (his) boring ass life”,

These reports and responses were something that he feels “unlocked” part of his brain, so he set about trying to get fired from his day job. Every day he would wake up, grab his camera, and wander the streets. He described this way of working as “missionary mode”, where it became the most consuming desire of his life (he would often forget to eat).

“New York rubs in your face your insignificance. At your greatest, you’re still nothing– and I take comfort in it. I find solace in nothingness. My point-of-view is the only thing I’ve got.”

He spoke of photography as a tool for guiding him through moments of depression; “It’s a great tool– a guiding factor in all of this has been depression. It’s a rescue from all of it, and a means for engaging in mindfulness. The process is escaping as much as I can and tuning in to my thoughts.”

“There is a certain danger and rebelliousness to this line of work. How do you reconcile being a trespasser? It’s a perfect metaphor for the whole process- you just have to accept that you are a trespasser!”

At one point a student, Francesca, spoke up and said: “I wish I could be in your mind for 10 minutes.”

He responded, “Why?”

“Because you’re crazy.”

“Yeah, I am. I mean, not crazy like I’m eating light bulbs, but yeah… obsessive crazy.”

Check back for more updates on the week as it progresses!

 

 

 

 

//////////////italian version///////////

 

Terzo giorno del workshop di Landon Nordeman, ‘Discovery Street’ una lunga giornata piena di eventi! Mentre gli studenti arrivavano a lezione , ho sentito Landon citare Bill Allard, “Non c’è cosa in cattiva luce… quindi non ci sono scuse, bisogna solo andare a scattare “. Ho subito capito che sarebbe stata una giornata impegnativa.

In tutti i workshop ci sono sempre giorni difficili, così come  giorni di grandi successi e di ispirazione. Oggi la classe era divisa in due , alcuni studenti erano in una fase di ispirazione e contenti di come proseguiva il loro progetto, mentre altri hanno cominciato a sentirsi ‘senza meta’, confusi o scoraggiati. Questi sentimenti  sono passi fondamentali per realizzare un buon lavoro e vi staremo vicino negli ‘alti’ così come nei ‘bassi’.

Quando uno studente ha parlato di ‘sensazione di esaurimento’ durante la lezione, Landon  ha subito riposto dicendo: “Non presenterai le tue foto ad un editor dicendo, ‘Ero così stanco’ … quindi non c’è bisogno di farlo qui. ” Mentre Landon  parlava ripetutamente di come il loft sia uno spazio sicuro per parlare della fotografia e di tutte le sue sfide , trovava ancora un equilibrio tra i problemi veramente difficili da affrontare e spingere le persone attraverso quelle difficoltà che saranno sempre presenti e che hanno solo bisogno di essere superate attraverso la forza e la motivazione . Combattere attraverso le difficoltà è solo un passo per diventare un fotografo , una volta fatto questo, hai ancora del duro lavoro davanti .

Uno dei principali mantra  della settimana è stato quello di permettere a noi stessi di essere liberi. Liberi dalle regole autoimposte della fotografia e da ciò che i vostri insegnanti e coetanei hanno detto, per fare solo un’immagine disinibita. Uno studente particolarmente preoccupato temeva di creare un’opera che fosse non veritiera o che mancasse di senso della realtà. Dopo aver guardato le sue foto  abbiamo avuto una breve discussione sull’etica del fotogiornalismo e se le linee guida professionali del reportage dovessero applicarsi a tutto il lavoro . Dopo pochi minuti Landon ha detto: “Questa è una questione etica … non mi importa di questa discussione! Mi interessa l’immagine. Voglio solo che tu scatti qualche foto questa settimana sentendoti libero e prendendo spazio per la sperimentazione. Se non ti senti a tuo agio nel tuo lavoro futuro, va bene, ma provaci solamente per me. Ok? ”

In molti dei nostri workshop abbiamo fatto della presentazione finale una priorità. Mentre le aspettative sono alte e gli studenti devono lavorare molto duramente in questo workshop, c’è ancora un sacco di tempo per gli incoraggiamenti e per trascorrere una giornata a conoscere se stessi come fotografi. Per fare errori, abbandonando le idee che funzionano e cambiando la nostra tecnica. Avere sette giorni per concentrarsi interamente sul proprio linguaggio visivo personale è un dono e siamo quindi ispirati nel vedere un insegnante creare  questo tipo di spazio  di interazione personale.

“Ragazzi! Potreste essere seduti in un ufficio da qualche parte… ma siete qui! E ‘la fotografia  per me è la cosa migliore del mondo ! Dai! Lavorate!”.

Dopo aver esaminato il lavoro degli studenti ,abbiamo avuto come ospite Daniel Arnold, fotografo di Brooklyn che ha trovato grande successo con instagram e l’incredibile (e prolifico) lavoro di street photography  degli ultimi 10 anni a New York. Eravamo entusiasti di avere l’opportunità di sentirlo parlare del suo lavoro e quando se ne andato ci siamo sentiti profondamente ispirati dal suo lavoro e dalla sua pratica.

Durante la sua presentazione , incredibilmente onesta ,  ha parlato dei sui spostamenti a New York per diventare uno scrittore, lavorando in contesti aziendali (Nickelodeon!) e assistendo lentamente ad una trasformazione dentro di sé dove è stato ‘assorbito’ dai  rituali della sua vita, il pendolarismo dal suo ufficio, sulla metropolitana. Nel corso del tempo, ha così cominciato a scattare fotografie che sono diventate un modo per liberarsi dalla depressione di lavorare in un ambiente poco interessante. Ha scattato istantanee quotidianamente in metro o a Times Square sulla strada verso il lavoro, dove si accorse che avrebbe ricevuto “un feedback immediato nel raccontare al mondo la sua vita noiosa”,

Queste relazioni  hanno in qualche modo “sbloccato” parte del suo cervello, così iniziò a cercare di farsi licenziare . Ogni giorno si svegliava, prendeva la sua macchina fotografica, e vagare per le strade. Ha descritto questo modo di lavorare come “modalità missionario”, che è diventato il più struggente desiderio della sua vita (dimenticandosi spesso di mangiare).

“New York ti strofina in faccia il tuo essere insignificante. Al vostro meglio, siete ancora niente,questo mi conforta. Trovo conforto nel nulla. Il mio punto di vista è l’unica cosa che ho “.

Ha parlato della fotografia come strumento che lo guida attraverso i momenti di depressione; “E ‘un grande strumento, un fattore guida in tutto ciò è stata la mia depressione. Si tratta di un salvataggio da tutto questo, e un mezzo per impegnarsi comsapevolmente. Il processo è in fuga per quanto posso per poi sintonizzarmi con i miei pensieri.”

“C’è un certo pericolo e  ribellione in questa linea di lavoro. Come ci si concilia  nell’ essere un trasgressore? E ‘una metafora perfetta per l’intero processo, devi solo accettare il fatto che tu sei un trasgressore! ”

A un certo punto uno studente, Francesca,ha detto: “Vorrei poter essere nella tua mente per 10 minuti.”

“Perché?”

“Perché tu sei pazzo.”

“Sì, sono io. Voglio dire, non pazzo da mangiare lampadine, ma sì … ossessivamente pazzo”.

Tornate per ulteriori aggiornamenti su come procede settimana!